La scienza e….Sonia Grey

marzo 28, 2009

soniaLa carriera nel mondo dello spettacolo di Sonia Grey inizia nel 1990, a fianco di Gianni Ippoliti. Seguono poi “Striscia la Notizia”, “Sabato al Circo”, il “Tg delle vacanze”, “Nonno Felice”, “Il bello delle donne”. Dal 2002 conduce continuativamente programmi e rubriche di grande ascolto: “Notti mondiali”, “Unomattinaestate”, “Mezzogiorno in famiglia”. Dal 2004 presenta con Franco Di Mare “Uno Mattina” e dal 2005 presenta, sempre su Rai1, “Sabato & Domenica”. Un totale di 3.300 ore di conduzione televisiva, 882 puntate in diretta, 60 puntate di sit-com e serial tv, 2 film tv da protagonista e 11 programmi da show-girl. L’interesse per la scienza, la salute e la medicina la riguarda sia nella professione sia nella vita privata. Sul suo sito http://www.soniagrey.it cura personalmente una rubrica in cui racconta il suo metodo per stare ‘InForma’ e coltiva una grande passione per la Pnl, la programmazione neuro-linguistica, in cui ha conseguito un Master.

La trasmissione “Sabato & Domenica” da lei condotta ha come sottotitolo ‘La televisione che fa bene alla salute’. Perché questo risalto al tema medicina?

È un’idea che abbiamo promosso con il dottor Giovanni Scapagnini e il dottor Fabrizio Duranti. Cerchiamo di fare divulgazione scientifica con un elevato livello di qualità. Ci sembrava che su Rai1 mancasse un format di questo genere, che invece è presente su Rai3 e Rete4.

Come prepara i suoi spazi sulla salute e le interviste, come scegliete i temi da affrontare?

Lavoro con un gruppo di persone e ci basiamo principalmente sulle domande del pubblico. Innanzitutto, tentiamo di dare una risposta, sul nostro sito e tramite mail, a quanti ci chiedono chiarimenti su alcune patologie. Poi cerchiamo di stare sempre al passo con le novità nell’ambito della medicina, chirurgia e della ricerca.

A suo avviso, esiste un rischio di spettacolarizzazione mediatica della scienza medica?

sonia1Sì, come per altri argomenti. Qualche tempo fa al Senato, ho ritirato un premio dal professor Girolamo Sirchia, che mi ha detto: ‘Le voglio fare una raccomandazione: stia attenta al protagonismo’. Si riferiva ai medici e ai conduttori. Una raccomandazione che condivido pienamente. Penso che nella nostra attività ci debba sempre accompagnare un’etica e prendo molto seriamente il mio lavoro di divulgazione, facendolo al meglio delle mie capacità, con rigore. E’ una responsabilità che sento. Per chi mi contatta per un problema fisico o medico io ci sono sempre. E sono molte le persone che mi scrivono per ringraziarmi.

Quale tra gli argomenti trattati dagli esperti che ha ospitato in trasmissione l’ha maggiormente colpita?

Noi trattiamo praticamente tutte le patologie, comprese le malattie genetiche rare. Ciclicamente poi affrontiamo le patologie maggiormente diffuse come ipertesione, malattie reumatiche, sindrome metabolica, diabete. In questi casi riscontriamo il massimo dello share e una fame di sapere da parte del pubblico. Trovo affascinante che la ricerca comunque stia andando avanti: patologie su cui prima si interveniva chirurgicamente ora sono risolte con un trattamento endoscopico non invasivo.

Chi vorrebbe intervistare, che non abbia ospitato finora?

Non ho un nome in particolare. Sono molto affascinata da chi studia il cervello, la psiche. Devo dire che, anche se ormai sono abituata a intervistare esperti, mi capita spesso di incontrare persone straordinarie che mi regalano emozioni e informazioni nuove anche sugli argomenti che tratto solitamente.

Prima di affrontare quest’esperienza seguiva già i temi medici e scientifici?

Prima di Sabato e Domenica ho lavorato a Uno Mattina, al cui interno già conducevo una rubrica che si intitolava ‘Vivere fino a centoventi anni’ e trattavo di medicina, benessere e salute. Ho condotto anche un format ‘In forma con Sonia’ in cui trattavo di informazione scientifica applicata al benessere. Dal punto di vista personale, il mio percorso professionale ha coinciso con il momento in cui ho iniziato ad approfondire questi argomenti. Anche al di fuori del programma studio continuamente, mi occupo di Pnl, la programmazione neuro-linguistica. E’ una metodica che studia le strutture di pensiero delle persone e nasce dal modeling, lo studio delle strategie di coloro che eccellono nel loro campo. Anche al di fuori dell’ambito televisivo i miei interessi privati ruotano intorno a questi temi. Mi piace moltissimo correre, meditare, nutrirmi in modo sano.

Da bambina ha mai pensato di diventare medico o di dedicarsi a un’altra professione scientifica?

No, ho sempre pensato di lavorare nel mondo dello spettacolo. Già da piccola mi chiudevo in camera e mi immaginavo a ballare sul palco. Per fortuna, con il crescere ho messo un po’ la testa a posto e ho iniziato ad occuparmi anche di argomenti meno futili.

A scuola andava bene nelle materie scientifiche?sonia21

In realtà ho avuto un percorso scolastico movimentato. Ammetto di avere una gran fortuna, che mi ha aiutato anche a scuola: sono una persona, usando un termine della Pnl, molto ‘visiva’: mi basta leggere velocemente qualcosa per memorizzarla immediatamente. Da giovane sfruttavo questa dote per studiare meno e giocare di più. Non ho avuto un approccio molto positivo con le materia scientifiche. Il mio interesse è cresciuto negli anni, anche per essermi scontrata con patologie gravemente invalidanti che hanno colpite persone a me care.

C’è una ricerca che le piacerebbe fosse eseguita?

Mi piacerebbe che si lavorasse più sul benessere che sulla malattia. Vorrei che nascesse una sorta di scienza che raggruppi tutto ciò che si è scoperto di buono per fare in modo che l’individuo viva la propria vita nel miglior modo possibile. Ci si dovrebbe focalizzare sulla promozione degli stati d’animo, delle emozioni, del pensiero positivo. Purtroppo manca la consapevolezza del vivere bene e quando ci si accorge di questo, spesso, è troppo tardi. Vorrei proporre un programma proprio su questi argomenti, magari in una fascia oraria diversa. I tempi, credo, sono maturi.


Kyoto, avanzano gli scettici

febbraio 18, 2009

kyotobutton1In molti il 16 febbraio 2005 avrebbero scomesso che il mondo sarebbe migliorato. L’entrata in vigore del Protocollo di Kyoto simboleggiava l’impegno concreto da parte dei paesi industrializzati per abbattere i temuti gas serra. Ma dopo appena quattro anni si registra un forte affanno da parte dei paesi firmatari a stare al passo con gli ambiziosi obiettivi fissati dal Protocollo. WWF, Greenpeace e Legambiente lamentano che a fronte del previsto taglio complessivo del 6,5%, le emissioni nel nostro paese sono invece cresciute del 9,9% dal 1990 ad oggi. Le major ambientaliste lamentano anche il ritorno al carbone e al nucleare da parte dell’attuale governo al posto delle energie alternative pulite. Dall’altra parte aumenta il fronte degli scettici, convinti che il Protocollo dal punto di vista strettamente climatico sia assolutamente inutile, essendo risibile il contributo umano di anidride carbonica rispetto a quello naturale. Forti perplessità colpiscono anche il mercato dello scambio di quote di emissione messo in piedi dal Protocollo, ora asfittico a causa della crisi finanziaria ma usato fino a poco tempo come strumento speculativo. In questi anni lo scontro fra catastrofisti e eco-ottimisti, fra seguaci del global-warming e scettici si è combattuto a suon di comunicati stampa, convegni, film e…premi nobel, mortificando la possibilità di ragionare in modo scientifico sull’evoluzione del clima del nostro pianeta. Per Teodoro Georgiadis, dell’Istituto di Biometeorologia del CNR, teoattualmente anche la stessa misurazione degli eventuali benefici di Kyoto non è semplice: “abbiamo una rete mondiale di misura con stazioni disomogeneamente distribuite che non ci assicurano quindi che il senso del “globale” sia veramente rispettato. Inoltre esiste anche il problema di verificare l’affidabilità delle stazioni di rilevamento”. Gli elementi a disposizione della ricerca indicano dunque che nei confronti di un sistema complesso come quello climatico nessun scienziato serio può dire di nutrire certezze assolute. “Misuramo pochissimo l’oceano, e nell’oceano sta buona parte dello scambio di energia del pianeta – continua Georgiadis – misuriamo solo la temperatura alla superficie che sicuramente è un indicatore molto povero di tutti i processi fisici del sistema climatico che è fatto di scambi di energia anche attraverso processi che vedono i cambiamenti di fase dell’acqua, ovvero il ciclo completo di questa.” Gli stessi modelli matematici sulla cui base vengono orientate le politiche ambientali degli stati non rappresentano una piena affidabilità. Fabio Malaspina, fisico e metereologo, docente del Master in Scienze Ambientali all’Università Europea ricorda che: “il padre della modellistica matematica, John Von Neumann descriveva le difficoltà e potenzialità dei modelli con il famoso aforisma: “Con quattro parametri posso descrivere un elefante e con cinque posso fargli muovere la proboscide.” E i modelli climatici hanno molto più di cinque parametri. “Quasi nessuno ha il coraggio di dirlo – spiega Malaspina – se non ci si fa trarre in inganno dall’uso del calcolatore più potente al mondo e di sofisticatissimi satelliti, non esistono elementi scientifici per affermare che sono diverse le affidabilità di una previsioni a cinquanta o cento anni effettuate con metodi astrologici o matematici o sulla base del volo degli padroni-pianeta1uccelli.” A fronte di tali mancate certezze esiste però un problema economico che l’adozione di certe politiche ambientali comporta. Per Antonio Gaspari, autore con Riccardo Cascioli de “Le bugie degli ambientalisti “ e “I Padroni del Pianeta”: “i costi sono giganteschi per dei risultati che, anche se fosse realistica la teoria del global warming, saranno ridicoli. Secondo l’ultimo Rapporto pubblicato dall’IPCC nel maggio del 2007, i costi sono di almeno 100 dollari per ogni tonnellata di CO2 , pari al 3% del Prodotto Interno Lordo a livello mondiale. Una cifra spaventosa.” E’ l’Italia che prezzo deve pagare? “Dal lavoro della Commissione ministeriale per la contabilità ambientale – afferma Gaspari – istituita dal ministro dell’Economia e delle Finanze, Tommaso Padoa Schioppa, e presieduta dall’allora sottosegretario all’economia Paolo Cento, risulta che dopo aver assunto l’impegno di tagliare le emissioni di gas serra del 6,5 per cento entro il 2012, l’Italia ha raggiunto nel 2004 la quota 583 milioni di tonnellate di anidride carbonica. Sono 97 milioni di tonnellate di eccedenza annua. La Commissione europea e la Banca Mondiale calcolano che il prezzo di mercato dei “carbon credits”, sia pari a 20 euro per tonnellata di anidride carbonica. Moltiplicando i 128 milioni di tonnellate di anidride carbonica emessi in violazione del protocollo di Kyoto per 20 si arriva a 2,56 miliardi di euro l’anno.” Nell’arco del quinquennio 2008-2012 quindi il raggiungimento degli accordi di Kyoto dovrebbe costare all’Italia 12,8 miliardi di euro. Di questi, 1,6 miliardi dovrebbero essere potenzialmente a carico del settore imprenditoriale. Non è da trascurare al riguardo il calcolo fatto dal Centro Nazionale per la Ricerca Atmosferica, per cui il “pieno e perfetto adeguamento al Protocollo di Kyoto” porterebbe nel 2050, secondo i calcoli fatti dal Centro Nazionale per la Ricerca Atmosferica , ad una riduzione delle temperature medie del pianeta di soli 0,06 gradi centigradi, rispetto a quanto avverrebbe in assenza del Trattato. “E’ impensabile – continua Gaspari – che l’Italia,così come gli altri Paesi, riescano a pagare certe cifre, soprattutto in una situazione in cui il PIL scende e la crisi finanziaria schiaccia le imprese ed il lavoro.” Probabilmente dunque, al di là delle posizioni divergenti, sarà proprio la congiuntura economica negativa a far luce sui presunti benefici di un calo dell’industrializzazione. Il calo della produzione fino al 50% di quei comparti che producono più emissioni unito ad un taglio generalizzato del consumo di energia comporterà per certamente una energica riduzione delle emissioni. Sarà curioso conoscere se i livelli di concentrazione di anidride carbonica diminuiranno in egual misura.


Cambiamenti climatici: la legge della marmotta

febbraio 3, 2009

marmotta_intChi non ricorda l´omonimo film con Bill Murray? Un meteorologo televisivo viene inviato in Pennsylvania, nella piccola città di Punxsutawney, per un reportage sulla ricorrenza del Giorno della Marmotta. Qui rimane intrappolato in un loop temporale. Ogni mattina, alle sei in punto la radio lo sveglia al suono di I got you babe di Sonny & Cher: da quel momento la giornata si ripete sempre allo stesso modo.
Il 2 febbraio negli Stati Uniti rappresenta un vero evento. Il sito dedicato (http://www.groundhog.org) narra come dal 1886 esista una marmotta-meteorolga ufficiale. Tutti aspettano che la marmotta Phil si svegli dal letargo: se uscendo dalla tana vede la propria ombra, si spaventa e torna a dormire. Questo significa che l´inverno durerà ancora sei mesi. Se il cielo è grigio il letargo può aver fine perché la primavera è in arrivo.
Il folklore americano trova la sua corrispondenza in occidente in diverse ricorrenze nobilitate dalle antiche origini.

In Italia si festeggia la Candelora. In origine era una festa pagana. In occasione della “februatio” le donne giravano con ceri accesi, simbolo di luce, per purificare la città dagli influssi dei demoni.
Il cristianesimo vi sovrappose la festa per la Purificazione della Madonna, che cadeva proprio il 2 febbraio, quaranta giorni dopo il Natale e si svolgeva sempre con una processione con i ceri, simboleggianti questa volta il battesimo che purifica dal peccato originale.
In alcune zone della penisola resiste ancora l´originario legame con il mondo naturale e si festeggia il Giorno dell´Orso. Se svegliandosi dal letargo scopre che il tempo è nuvoloso, annuncia con tre salti l’arrivo della primavera.

main2009winterLe tradizioni della marmotta, della candelora o dell´orso si richiamano a quello che sono stati per secoli i nostri proverbi. Oggi la saggezza popolare dedicata al clima è stata superata da modelli matematici che hanno l´ambizione di prevedere il tempo da qui a cento anni.
Il grande astronomo di fine Ottocento Giovanni Virginio Schiaparelli a tal proposito affermava: «la previsione del tempo! È quanto dire la pietra filosofale dei nostri giorni…. Si cessi una volta dal promettere alle popolazioni a nome della scienza, ciò che oggi la scienza non può dare».
Luigi Mariani, autore del recente Cambiamenti climatici e conoscenza scientifica, ha presentato pochi giorni fa la ristampa anastatica di un libro del 1888 di Ercole Ferrario, dal titolo I principali proverbi relativi all’agricoltura spiegati ai proprietari ed ai coltivatori.
«La mia presentazione – afferma Mariani – relativa ai proverbi dedicati al tempo atmosferico, partiva dall’idea che i proverbi in passato servivano per dare a chi ne faceva uso, soprattutto agricoltori, l’idea, che si rivelava assai spesso una pia illusione, di poter dominare la variabilità atmosferica, dai cui capricci dipendeva la sopravvivenza stessa. I proverbi esprimevano una grande attenzione ai fenomeni naturali ed una diffidenza innata verso i possessori del sapere teorico».

I proverbi e le tradizioni sono spesso frutto di conoscenze pratiche acquisite scontrandosi con una realtà spesso assai drastica. Spesso quindi sono serviti ai nostri progenitori come supporto psicologico a fronte al comportamento del tutto imprevedibile del tempo atmosferico, che gli inadeguati sistemi di scorte rendevano foriero di carestia e morte.
«Oggi le cose non stanno più così – continua Mariani – nel senso che i modelli matematici a nostra disposizione consentono di formulare previsioni meteorologiche passibili di uso operativo fino a 5 – 7 giorni in avanti rispetto alla data di emissione».
Tuttavia spingendosi ancor più in avanti si ripresenta il nostro limite rispetto alla previsione meteorologica.
Per Mariani: «ancor oggi infatti una previsione a 15 giorni è alquanto imprecisa mentre del tutto improponibili sono quelle a 2-3 mesi, in cui peraltro i nostri mezzi di informazione si lanciano spesso con l’ausilio di “esperti” alla ricerca di magre figure. Tuttavia le informazioni che emergono dal “giorno della marmotta” hanno più che altro un valore simbolico e di legame con la tradizione e con la natura, legame che le rende gradevoli e gradite».

I modelli climatici sono quindi un prodotto tecnologico complesso da usare con discernimento, avendo ben chiari quali sono i loro limiti. Come afferma Antonino Zichichi: non esiste ancora una equazione del clima.
«Con i modelli matematici – conclude Mariani – è possibile migliorare in modo sostanziale le nostre conoscenze sui meccanismi del clima che, essendo un sistema complesso e con migliaia di cause mal si presta ad una semplice lettura da parte del singolo scienziato o peggio dell’uomo della strada».
Se si vuole quindi andare oltre la saggezza popolare e non si vuol cadere nella logica luddistica del rifiuto dei modelli è importante che la scienza ne faccia un uso consapevole, senza prestare il fianco a facili catastrofismi.

www.ffwebmagazine.it


La scienza e..Valentina Vezzali

ottobre 15, 2008

Valentina Vezzali, pluricampionessa di scherma nella specialità fioretto, è uno dei simboli sportivi del nostro Paese. Inizia a tirare a soli 15 anni vincendo per tre volte di seguito il titolo iridato al Campionato mondiale cadette. Da lì, è una cavalcata trionfale. Categoria under 20: medaglia di bronzo nel 1990, d’argento nel 1992, d’oro nel 1993 e 1994. Debutta alle Olimpiadi nel 1996, ai Giochi di Atlanta, ed è medaglia d’argento individuale e d’oro nella prova di squadra. A Sidney 2000 conquista l’oro, e si ripete ad Atene 2004. Campionessa del mondo di scherma nel 2005 a Lipsia, a soli quattro mesi dalla nascita del figlio, ad agosto 2008, a Pechino, è ancora oro.
E’ l’atleta italiana che ha conquistato più medaglie d’oro ai giochi olimpici. Fa parte del gruppo sportivo delle Fiamme oro della Polizia di stato. E’ sposata e ha un figlio di tre anni. Nel 2006 ha pubblicato una autobiografia dal titolo “A viso scoperto”.

Segue i fatti di natura scientifica, le notizie su scoperte o problemi legati alla ricerca?
Purtroppo riesco a seguire solo le notizie di stretta attualità. Ogni tanto guardo su Sky qualche documentario con mio figlio, soprattutto quelli che parlano del mare e dei pesci, perché lui li adora. Apprezzo moltissimo Piero Angela e le vecchie puntate di Quark: pur non avendo interessi particolari resto affascinata da questi lunghi ‘viaggi’.

Come andava a scuola nelle materie scientifiche? Ha mai pensato di svolgere una professione di carattere scientifico?
Avevo una piena sufficienza, ma di certo non brillavo. A professioni di carattere scientifico non ho mai pensato. Credo comunque sia necessaria una predisposizione per lavorare in questi settori.

Una volta ha dichiarato che prima di farsi visitare ci pensa sempre due volte. Ha scarsa fiducia nella medicina?
No, anzi, ho piena fiducia nei medici e nel mio staff. A volte ho paura della diagnosi e quindi ho timore di andare dal medico.

Quanto c’è di scientifico nella preparazione di un atleta di oggi a livello internazionale?
Praticamente ogni cosa. Dall’alimentazione con la dieta a zona agli esercizi mirati e ‘ad personam’. Tutto viene monitorato quasi quotidianamente. Io stessa sono seguita da un équipe di medici e nutrizionisti davvero impagabili.

Ha fiducia nella ricerca volta ad assicurare la correttezza delle competizioni?
Certamente. In tal senso credo si possano fare importanti passi avanti. Debellare il doping è un dovere. Ritengo inoltre che la tecnologia, se ben applicata, possa risolvere tantissimi problemi anche dal punto di vista arbitrale.

C’è una ricerca che le piacerebbe fosse eseguita, in ambito sportivo o non?
In ambito sportivo non ne vedo l’urgenza. In ambito sanitario sì. Non saprei indicare con specificità in che settore, ma vorrei sicuramente che la ricerca, che purtroppo in Italia vive un momento di stallo, potesse fare passi da gigante per risolvere i problemi di salute.

http://www.almanacco.rm.cnr.it/articoli.asp?ID_rubrica=4&nome_file=01_17_2008

La carica delle eco-mamme

ottobre 4, 2008

Altro che casalinghe disperate alle prese con le loro battaglie domestiche: è il momento delle eco-mamme. Terrorizzate dal moderno catastrofismo ecologista queste mamme moderne conoscono a menadito i pericoli che incombono sui propri pargoli: dagli ftalati nascosti nelle piscinette gonfiabili al mercurio contenuto nel tonno o al piombo che impregna alcune vernici domestiche.
La trentotenne Danek Pinkson, dopo essere stata fulminata dalla “Scomoda verità” di Al Gore, ha fondato la Ecomoms Alliance, che conta già su ben 11 mila iscritti, passa la sua esistenza a cercare di convincere le altre mamme ad adottare uno stile di vita più ecologico, fatto di pannolini lavabili, pane fatto in casa, lampade a basso consumo, spesa a km zero, passeggiate in bici, bicarbonato al posto del sapone,ecc.
Le mamme italiane si sono riunite dall’8 al 15 giugno in Galleria Vittorio Emanuele in occasione dell’iniziativa “I Giorni della salute”, promossa dall’assessorato alla Salute del Comune, per partecipare agli happy hour ecologici organizzati da Riccarda Serri, dermatologa dell’Università degli Studi di Milano. 

L’ecomamma tipo – spiega Serri –  “è semplicemente una persona che usa bene il cervello. E si rende conto che l’ecologia non affatto è un’ideologia”. “L’ecologia è salute – continua la dermatologa – e riguarda la nostra vita di ogni giorno: l’acqua che beviamo e con cui ci laviamo, l’aria che respiriamo, gli abiti e i gioielli che indossiamo, i computer e i telefonini con cui lavoriamo”.

Ma la vita delle Ecomoms non è tutta rose e fiori: criticate per la loro ansia ecologista sono state definite anche “angeli della pattumiera”.  Paola Vitali, sull’Occidentale, scrive al proposito: “Una nuova generazione di eco-ansiose, come molte di loro si definiscono, sempre più assalita dal senso di colpa per gli sprechi incontrollati che tanto male fanno a Gaia, trova la sua purificazione in un corredo di diktat che trasformano le famiglie in piccoli inferni di abitudini meticolose, nei fatti un vero e proprio lavoro. E che consacrano la Ecomamma come nuova versione della madre veramente alla moda,…

Ma nulla sembra fermarle. Libby McDonald è una mamma che ha sofferto per l’intossicazione da piombo del proprio piccolo e di quella esperienza ne ha fatto tesoro. Ora produce libri e documentari sui pericoli derivanti da piombo, mercurio, plastica, pesticidi e inquinamento.
Nel suo ultimo “Crescere un figlio sano in un mondo inquinato” spiega come, nonostante l’organismo umano abbia un meccanismo interno che protegge il cervello da sostanze velenose, il piombo riesce  a confondere questa barriera “mascherandosi” da calcio. Attenzione quindi alle vernici delle case di qualche anno fa, ai giocattoli, ai rossetti, alle tinture per capelli. Ci sono paesi all’avanguardia nella prevenzione come lo Stato di New York, in cui a un anno è obbligatorio il test sui livelli di piombo.

Altrettanto temibile per i nostri pargoli è la minaccia da mercurio. E’ sconsigliato quindi il consumo di quei pesci in coda alla catena alimentare come il tonno e il pescespada. Attenzione ai vaccini contro il morbillo, patotite e rosolia. Persino alcuni comuni antinfluenzali possono contenere mercurio.
Una ecomamma come si deve non dimentica di chiedere al proprio dentista di non usare amalgama ma resina per curare i denti dei proprio piccoli.

Ma è soprattutto nella quotidianietà che si nascondono le insidie. I ftalati sono composti chimici usati per rendere morbida la plastica. Unico inconveniente: simulano gli effetti degli ormoni, “femminilizzando” i bambini.  In questo caso la lotta è ardua perché si nascondono ovunque: nei libri di plastica morbidi, nelle tende da doccia, nello smalto delle unghie, nei gel per capelli, nelle borse di plastica e persino nei tubicini medici dei reparti di neonatologia e terapia intensiva degli ospedali.
Poiché queste sostanze non sono stabili, quando i bambini mettono in bocca un giocattolo di plastica morbida è come se gustassero un lecca-lecca di ftalati.
Libby McDonald, con i suoi consigli su come rendere la propria vita e quelle dei bambini ecologicamente sana, entra dunque a pieno diritto nel club delle Ecomoms e la chiusura del suo libro spiega bene la missione che unisce queste mamme dei tempi moderni:” Forse,se madri e padri coraggiosi, studiosi impegnati nell’ambito della salute pubblica, politici e dirigenti di aziende dedicheranno sufficiente attenzione al tipo di sostanze chimiche che disperdiamo nell’ambiente, i figli dei nostri figli potranno essere nutriti con il latte materno che non contenga dosi di pericolosi inquinanti industriali, potranno divertirsi con i giocattoli prodotto senza sostanze che disturbano gli ormoni e sgranocchiare panini al tonno senza tracce di neurotossine. Se i genitori, i consumatori e i ricercatori lavorano tutti insieme per questo obiettivo, ci sono ragioni per sperare”. 

Eco-mamme italiane

 

Anna ha trent’anni ed è una neomamma. Dalle pagine del suo cliccatissimo blog“Ecomamma” (www.ecomamma.net) dispensa a piene mani consigli per eco-famiglie. “Non sono mai stata una grande consumatrice di yogurt – scrive Anna –  quindi non mi ero mai posta il problema. Ma ora col fatto che Ricky ha cominciato lo svezzamento e lo mangia tutti i giorni mi sono ritrovata con una quantità industriale di vasetti vuoti (hai voglia ad utilizzarli per congelare il brodo e il passato di verdure!) e col dubbio di quello che c’è dentro”. Le etichette degli yogurt impressionano Anna che decide di comprare una yogurtiera “a impatto ZERO sull’ambiente e a impatto contenuto sul portafogli”.

Come è nata l’dea del blog?

“L’idea del blog è nata una sera a cena – racconta Anna – parlando con i miei fratelli e un’amica del fatto che uno stile di vita eco non fosse poi così impegnativo come la maggior parte delle persone pensano. Allora ho pensato che condividere, attraverso un blog, la mia esperienza potesse essere un modo per fare arrivare questo messaggio e per coinvolgere anche persone interessate, ma ancora timorose dell’impegno e del tempo che queste cose possono portar via. Senza contare inoltre il fatto di poter anche ricevere consigli e informazioni utili da altri utenti. E così è stato. Il blog ha una frequenza di visite dalle 40 alle 70 giornaliere e molti utenti partecipano attivamente con consigli o richieste.
Quindi credo che posso dire di aver ottenuto lo scopo, propro la condivisione di uno stile di vita che è molto più “normale” di quanto si pensi”

Dalle Ecomoms americane alle eco mamme italiane. A che punto siamo nel nostro paese? Come vi state organizzando?

“Non c’è un’organizzazione di eco-mamme in Italia, non che io sappia, quanto meno. Ma solo delle persone, nella fattispecie mamme, ma non solo, che si preoccupano dell’ambiente e della salute (e del portafoglio!), per sé e per i propri figli.
C’è una rete virtuale di siti e blog che affrontano i temi dell’ecologia, che danno consigli e dove ci si scambiano esperienze e informazioni, per vivere uno stile di vita più sostenibile, perché abbiamo un pianeta solo a disposizione ed è bene viverci in armonia, per lui e per noi stessi.
Onestamente non credo che serva un’organizzazione per fare questo, credo che basti la buona volontà!”

Qualche consiglio di vita pratica per uno stile di vita a impatto zero?

“Per le mamme prima di tutto consiglio di usare i pannolini lavabili per i bambini. Sono comodi, pratici e a impatto molto molto limitato.
Ogni bambino prodice circa una tonnellata di rifiuti all’anno solo di pannolini!
I pannolini lavabili invece sono economici, ecologici e salutari! E chi pensa che si debbano fare chissà quante lavatrici sbaglia (oltre al fatto che l’impatto dei lavaggi non è lontanamente paragonabile a quello dei rifiuti!), con un numero congruo di pannolini (circa 20) si lava ogni 2 o 3 giorni, insieme al resto del bucato e con poco, pochissimo detersivo.”

(Mario Masi per Il Giornale di San Patrignano)

La scienza e…Pulsatilla

agosto 17, 2008
copyright Bompiani

Pulsatilla è ossessionata dalla scrittura fin da piccola. A 20 anni raggiunge la finale del prestigioso Premio Campiello giovani. Dopo l’esperienza di copywriter a Milano si trasferisce a Roma. Il suo blog diventa un caso letterario. Un editore le offre la possibilità di scrivere il suo primo romanzo “La ballata delle prugne secche”, una storia con diversi spunti autobiografici in chiave comica che diventa uno libri più venduti del 2006. A maggio esce nelle librerie il nuovo libro: “Giulietta Squeenz” edito da Bompiani, che ha per protagonista Giulietta, la cui storia comincia quando ha 8 anni e finisce quando raggiunge i trenta anni tra mille peripezie. Siamo andati a trovarla nella sua abitazione di Roma, deliziosa ed informale, forse l’unica con la porta d’ingresso gialla.

Segui i fatti di natura scientifica? Quali sono le  fonti di informazione che ritieni più efficaci per la diffusione del sapere scientifico?

Vedi quel televisore (..un plasma attaccato al muro)? E’ un aggeggio nuovo di due settimane e penso di averlo acceso non più di tre volte per vedere i Simpson e Mtv.  Quando sono dal dentista e sfoglio Focus mi diverto a leggere le soluzioni proposte a grande domande tipo  “ma la carta da forno si può usare anche in frigo?”,  “Ma è proprio vero che chi beve vino campa 100 anni?”

Che ne pensi delle grandi questioni che  monopolizzano i media, come quella del riscaldamento globale e del catastrofismo imperante?

Il catastrofismo è storia vecchia: siamo catastrofisti più o meno ogni 10 anni. Annunciamo che il mondo finirà entro 10 anni e poi non accade nulla
Ho molta fiducia nelle capacità reattive del nostro pianeta, che ritengo più intelligente di noi. Per quello che mi riguarda non ho la macchina, non ho il motorino, faccio l’amore con la luce spenta….

Hai mai scritto di ambiente?

Ricordo un mio articolo per Max sull’ecosex dove ho scritto dei giocattoli erotici in pvc, che incrementano i livello di diossina, della pillola che finisce attraverso le urine nel mare facendo nascere pesci con il terzo occhio come i Simpson e dei falsi ambientalisti. Hanno aperto a Portland un fantastico locale di spogliarello, si chiama Casa Diablo, dove non sono ammesse pellicce o pelli e vengono serviti solo hamburger vegetariani. Il fatto poi che le donne vengono trattate come dei kebab viventi, che girano intorno ad un palo frustate sul sedere da uomini lascivi non interessa, l’importante che nessun vitellino venga sgozzato e nessuna foca venga torturata.  

Parliamo della ricerca applicata alla scrittura. Cosa prevedi in futuro? Esiterà sempre il libro o sarà sostituito? Come potrà la scienza cambiare sia il modo di scrivere sia il modo di fruire degli scritti?

Non credo che i libri scompariranno. Non esiste nulla che possa dare le stesse sensazioni della carta. Per scrivere uso il computer e sono sinceramente riconoscente verso la tecnologia per avermi dato Word. Scrivo da quando ero piccola con la stessa ferocia e costanza e le cose sono molto cambiate da quando in casa è entrato il computer.  Ricordo le pile di brutte copie…. Gli audio-book possono rappresentare una buona risorsa per farsi una idea di libri di cui interessa poco, tipo “il Codice da Vinci”: visto che non si può vivere a questo mondo senza averlo letto, ho preferito ascoltarlo e risparmiare tempo per leggere libri più interessanti. 

In Italia sei stata la prima a diventare famosa per un blog su internet?

Sono stata la prima blogger che ha debuttato su carta diventato famosa. Prima di me c’erano dei blogger più fanmosi come Macchianera o Personalitàconfusa,  dopo di me c’è stata Pornoromantica. Ormai però il fenomeno blog si è afflosciato, ora il minimo che mi aspetto da te è che abbia un blog.  Ha perso la sua carica innovativa, è diventato come qualsiasi elettrodomestico di casa

Quale sarà la prossima evoluzione?

Navigando ho notato che la qualità della scrittura è salita: ci sono tante persone che scrivono bene ed aiutano a far salire il livello. Rispetto al passato sono diminuiti i lettori in assoluto ma sono aumentati i lettori in rete. La rete diventerà un posto dove si creerà letteratura. Credo che il post abbia dato una nuova misura alla letteratura. Dovendo avere delle dimensioni ben precise, perchè deve essere letto a video, ha anche un suo linguaggio caratterizzato e sta contaminando un po’ il modo di scrivere. Alcuni di quelli che hanno un blog scrivono anche sulla carta e trasportano un po’ di questa misura, di questa ritmica tipica dell’era di internet. Anche se il post non esiste come forma artistica, la letteratura sta assorbendo le sue caratteristiche.
Ma io sarò sempre una fan della “casa editrice”, quella col tetto spiovente, dove vai con il tuo malloppo sotto braccio: tutto quell’iter perverso mi piace molto.

Ti piacevano le materie scientifiche a scuola? Da bambina hai mai desiderato fare “lo scienziato”?

Mi sono ammalata in prima elementare quando il maestro spiegava le divisioni e, non ci crederai, ancora non ho imparato a farle. Questa cosa mi ha portato una specie di ansia verso tutte le materie scientifiche. Odio i quaderni a quadretti, i numeri mi sono indifferenti, tanto che se devo scrivere un numero lo scrivo con per esteso in lettere. Al liceo invece ho sviluppato una passione per la chimica, la fisica e la biologia. Il problema è quando devo trasportare la teoria alla prassi del quadretto…non sono mai riuscita a risolvere un problema!

Quale deve essere per te il ruolo della scienza?

Sono sospettosa. Vorrei che la Chiesa utilizzasse il suo ruolo per alzare la mano e dire: “forse stiamo esagerando!”. Per esempio, la clonazione è un qualcosa che mi spaventa. Non dovrebbero esserci veti alla scienza, ma questa non dovrebbe manomettere certi equilibri. Per esempio, la malattia non viene mai vissuta come un segnale da ascoltare e studiare, ma la medicina  punta esclusivamente ad eliminare il sintomo.  Questo secondo me è un atteggiamento malato perché nulla succede per caso.
Io mi muoverei con cautela e con rispetto verso la natura come è stata originariamente architettata. 

La scienza deve porsi al servizio dell’uomo o del pianeta?

Non sono d’accordo con quelli che affermano che l’uomo è come gli altri animali.  Non è vero. Dipingiamo, suoniamo, abbiamo un qualcosa che possiamo chiamare anima.  Noi ci raccontiamo le cose, siamo capaci di riflessioni, facciamo progetti per il futuro. Nessuno può dirmi che siamo come lamprede di mare. L’uomo è un ospite fortunato di questo posto così bello ma qualche volta è un ospite un po’ cafone: se qualcuno ti affida una casa devi saperla curare. Io cerco di essere conscia dei miei piccoli comportamenti di attenzione all’ambiente. Non credo che il pianeta sia stato fatto apposta per noi ma la nostra presenza non è casuale.

Cosa ti aspetti dalla ricerca?

Vorrei che non fosse sottoposta ad una supremazia della ragione. Mi piacerebbe che ci fosse meno arroganza. Vorrei che operasse con cura per il bene comune, ci mettesse del cuore, non spingendo il progresso a tutti i costi. La tecnologia non è buona a priori ma  deve essere maneggiata  con cautela per evitare che diventi pericolosa.


Tra Fede e Scienza – Intervista al Prof. Antonino Zichichi

maggio 3, 2008

ZichichiL’attuale discussione sull’ambiente è imprigionata nella stantia dicotomia che vede i “catastrofisti”  contrapporsi aprioristicamente agli “eco-ottimisti”.
Il fervore di tale polemica ha ormai travalicato gli argini della difesa dell’eco-sistema in se per assumere il vigore di una appassionato confronto tra due opposti sistemi di pensiero.
La concezione ecocentrica, di matrice relativista, viene così ad infrangersi contro lo scoglio dell’etica antropologica, di origine cristiana, travolgendo tutti i temi legati all’ecologia.
Lo scontro in atto è evidente anche nella strategia comunicativa attuata da una scuola di pensiero di ispirazione luddista, rigurgito di venerazioni neo-pagane verso Gaia, la  Madre Terra, che tende a presentare la scienza come indistinta dalla tecnologia e quindi colpevole degli effetti indesiderati dell’industrializzazione e del capitalismo. Di contro, una visione antropocentrica dell’ambiente, frutto della consapevolezza del ruolo centrale della Fede, esorta l’uomo a non lasciarsi sedurre da facili ritorni alla natura ma a riappropriarsi di una visione unica del creato, dove risalti la sua responsabilità superiore verso le altre forme di vita.
Per fare chiarezza sulle correnti controversie abbiamo posto alcune domande ad uno dei più illustri e stimati scienziati: il Prof. Antonino Zichichi, Presidente della World Federation of Scientists e della Fondazione Ettore Majorana, dedito da sempre ad una corretta divulgazione scientifica.

Prof. Zichichi, sembra che la Scienza attualmente abbia perso la sua funzione formativa ed ogni pecularietà culturale assoggettandosi a ideologie relativiste o scientiste. Né è prova la recente lettera dei 67 scienziati dell’Università “La Sapienza” che hanno proibito al Papa di parlare ai giovani studenti e al corpo accademico. A questa lettera hanno aderito migliaia di altri scienziati. Come se lo spiega?

Ricordo che nell’aprile del 2006, Papa Benedetto XVI, rispondendo a una domanda di un giovane che partecipava in Piazza San Pietro a un incontro in preparazione della Giornata Mondiale della Gioventù, rispose dicendo che il grande Galileo Galilei considerava la Natura e la Bibbia due libri scritti dallo stesso Autore.
La Scienza, ha ricordato Benedetto XVI, nasce da quell’atto galileiano di umiltà intellettuale: Colui che ha fatto il mondo è più intelligente di tutti noi, filosofi, poeti, artisti, matematici, nessuno escluso. Non permettere a Papa Benedetto XVI di leggere agli studenti il messaggio della grande alleanza tra Fede e Scienza è atto di oscurantismo, non di laicità, non è espressione culturale della Scienza ma un esempio di ciò che Enrico Fermi – oltre mezzo secolo fa – definì “Hiroshima culturale”».

Nei suoi libri ha ribadito con forza questo concetto, può spiegarlo meglio?

Pensi al darwinismo, considerato la più avanzata frontiera della Scienza, all’ateismo presentato come il trionfo della Ragione, al Big-Bang come se tutto fosse stato capito. La nostra cultura non è in sintonia con le conquiste della Scienza ma con la negazione di queste conquiste; come se Galilei non fosse mai nato».

Se il darwinismo non è la più avanzata frontiera della Scienza, ci dice cos’è?

Per fare Scienza c’è bisogno di rigore matematico e riproducibilità sperimentale. È Galileo Galilei a insegnarci questo, altrimenti si resta fuori dalla Scienza di stampo galileiano. L’evoluzionismo esiste in molte specie viventi, ma non lo si può estendere all’uomo».

Perché?

Esistono centinaia di migliaia di forme di materia vivente. Una e una sola però risulta dotata di Ragione. L’evoluzionismo non sa descrivere come dalle innumerevoli forme di materia vivente prive di Ragione, com’è un albero o un’aquila, sia venuta fuori l’unica forma di materia vivente dotata di Ragione, cioè Noi. Sarebbe formidabile se qualcuno riuscisse a far diventare l’evoluzionismo Scienza. Tutto evolve: dall’esempio più elementare di particella quale è un elettrone, al cosmo. L’evoluzione cosmica parte dal primo Big-Bang e, dopo 20 miliardi di anni, arriva a noi. Però l’unico evoluzionismo che sappiamo descrivere si ferma alla materia inerte. Io conosco benissimo di quanti protoni, neutroni ed elettroni è fatta una pietra o il corpo di una rondine. Se pietra e rondine sono di peso eguale, il numero di protoni, neutroni ed elettroni è lo stesso. Nessuno però sa fare il passaggio dalla pietra alla rondine. È un esempio del secondo Big-Bang».

Quanti Big-Bang sono necessari per arrivare a noi?

Tre. Il primo è quello che dal Nulla produce la materia inerte. Il secondo è necessario per passare dalla materia inerte a quella vivente. Il terzo Big-Bang deve spiegare come si passa dalla Vita alla Ragione. Che l’evoluzionismo esista in moltissime forme di materia vivente non autorizza ad estendere questa proprietà (evoluzione) a Noi in quanto abbiamo una proprietà (la Ragione) che non esiste in nessuna altra forma di materia vivente. Noi siamo esempio unico. Se dalla rondine passiamo all’uomo entra in gioco la sfera trascendentale della nostra esistenza.

La scienza galileana e cultura cattolica camminano dunque insieme di pari passo?

Se oggi la Scienza è arrivata alla soglia del Supermondo, lo dobbiamo a quell’atto di Fede e di umiltà intellettuale, maturato nel cuore della cultura cattolica con Galileo Galilei, che Giovanni Paolo II definì figlio legittimo e prediletto della Chiesa Cattolica. Giovanni Paolo II riportò a casa i tesori della Scienza Galileiana e Benedetto XVI di questi tesori è oggi il massimo custode nella continuità culturale del Suo Apostolato con quello di Giovanni Paolo II che, spalancando le porte della Chiesa Cattolica alla Scienza Galileiana, dette vita alla grande alleanza tra Fede e Scienza.

La cultura atea vuol fare credere di avere basi rigorosamente scientifiche; Lei però ha definito l’Ateismo un atto di Fede nel nulla. Ce lo può spiegare?

La Scienza scopre che esistono le Leggi Fondamentali che reggono tutto; dall’Universo dei quark e dei leptoni, alla nostra Terra con oceani e foreste, Sole, Luna, Stelle, Cosmo. L’insieme di queste leggi rappresenta la Logica che governa il mondo. Siamo figli di questa Logica. È legittimo chiedersi: questa Logica ha un Autore? L’Ateismo risponde: No; ma non sa spiegarlo. Non arriva al No per atto di Ragione, ma di Fede e basta. Fede nel No, che vuol dire Fede nel Nulla. Io penso sia molto più logico un atto di Fede nel Creatore. Chi ne volesse sapere di più potrebbe leggere il mio libro “Perché io credo in Colui che ha fatto il mondo”.

La Scienza può fare a meno della Fede?

Nel Centro di Cultura Scientifica Ettore Majorana a Erice, che dirigo, è incisa su ferro ed esposta la frase «Scienza e Fede sono entrambe doni di Dio». La cultura del nostro tempo è detta moderna, ma in effetti è pre-aristotelica. Infatti né la Logica Rigorosa né la Scienza sono ancora entrate nel cuore di questa cultura che – come ha scritto Benedetto XVI nel Suo discorso alla Sapienza – «costringe la Ragione ad essere sorda al grande messaggio che viene dalla Fede Cristiana e dalla sua sapienza. Così facendo questa cultura agisce in modo da non permettere più alle radici della Ragione di raggiungere le sorgenti che ne alimentano la linfa vitale».
Nella Basilica di Santa Maria degli Angeli e dei Martiri a Roma c’è un’altra famosa frase di Giovanni Paolo II: «La Scienza ha radici nell’Immanente ma porta l’uomo verso il Trascendente». Benedetto XVI sta percorrendo la stessa strada.

Nei Laboratori del Gran Sasso, praticamente una Sua creatura, sono stati fotografati i primi neutrini artificiali prodotti dall’uomo. Una sfida vincente, che profuma di Nobel, ce ne può parlare?

Ho progettato i Laboratori del Gran Sasso e li ho realizzati avendo presente due motivi di fondo. Anzitutto per dare all’Italia una struttura scientifico-tecnologica in grado di essere in prima linea nella competizione scientifico-tecnologica mondiale. L’altro motivo era di natura puramente scientifica. Io vivevo nel più grande Laboratorio di fisica del mondo, il CERN di Ginevra, e avevo capito che c’erano problemi per la cui soluzione sarebbe stato necessario costruire un acceleratore avente dimensioni grandi quanto tutto il Sistema Solare. Nacque così l’idea di studiare la “macchina cosmica” e i suoi effetti. Infatti il Cosmo brilla più di neutrini che di luce. Studiarne le proprietà ci avrebbe aperto orizzonti mai prima esplorati. Oggi, a trent’anni di distanza, questi orizzonti restano di grande attualità.

Come dovrebbe essere strutturata per Lei una corretta ed efficiente comunicazione ambientale?

Dando la parola non a persone che hanno credibilità scientifica zero, ma alla vera grande Scienza. Solo così sarà possibile realizzare il sogno che fu di Enrico Fermi: vivere di una Cultura in cui la Scienza sia veramente protagonista. Il mondo ha bisogno di Cultura Scientifica. Se vivessimo l’era della Scienza non esisterebbero le emergenze planetarie.