La scienza e….Sonia Grey

marzo 28, 2009

soniaLa carriera nel mondo dello spettacolo di Sonia Grey inizia nel 1990, a fianco di Gianni Ippoliti. Seguono poi “Striscia la Notizia”, “Sabato al Circo”, il “Tg delle vacanze”, “Nonno Felice”, “Il bello delle donne”. Dal 2002 conduce continuativamente programmi e rubriche di grande ascolto: “Notti mondiali”, “Unomattinaestate”, “Mezzogiorno in famiglia”. Dal 2004 presenta con Franco Di Mare “Uno Mattina” e dal 2005 presenta, sempre su Rai1, “Sabato & Domenica”. Un totale di 3.300 ore di conduzione televisiva, 882 puntate in diretta, 60 puntate di sit-com e serial tv, 2 film tv da protagonista e 11 programmi da show-girl. L’interesse per la scienza, la salute e la medicina la riguarda sia nella professione sia nella vita privata. Sul suo sito http://www.soniagrey.it cura personalmente una rubrica in cui racconta il suo metodo per stare ‘InForma’ e coltiva una grande passione per la Pnl, la programmazione neuro-linguistica, in cui ha conseguito un Master.

La trasmissione “Sabato & Domenica” da lei condotta ha come sottotitolo ‘La televisione che fa bene alla salute’. Perché questo risalto al tema medicina?

È un’idea che abbiamo promosso con il dottor Giovanni Scapagnini e il dottor Fabrizio Duranti. Cerchiamo di fare divulgazione scientifica con un elevato livello di qualità. Ci sembrava che su Rai1 mancasse un format di questo genere, che invece è presente su Rai3 e Rete4.

Come prepara i suoi spazi sulla salute e le interviste, come scegliete i temi da affrontare?

Lavoro con un gruppo di persone e ci basiamo principalmente sulle domande del pubblico. Innanzitutto, tentiamo di dare una risposta, sul nostro sito e tramite mail, a quanti ci chiedono chiarimenti su alcune patologie. Poi cerchiamo di stare sempre al passo con le novità nell’ambito della medicina, chirurgia e della ricerca.

A suo avviso, esiste un rischio di spettacolarizzazione mediatica della scienza medica?

sonia1Sì, come per altri argomenti. Qualche tempo fa al Senato, ho ritirato un premio dal professor Girolamo Sirchia, che mi ha detto: ‘Le voglio fare una raccomandazione: stia attenta al protagonismo’. Si riferiva ai medici e ai conduttori. Una raccomandazione che condivido pienamente. Penso che nella nostra attività ci debba sempre accompagnare un’etica e prendo molto seriamente il mio lavoro di divulgazione, facendolo al meglio delle mie capacità, con rigore. E’ una responsabilità che sento. Per chi mi contatta per un problema fisico o medico io ci sono sempre. E sono molte le persone che mi scrivono per ringraziarmi.

Quale tra gli argomenti trattati dagli esperti che ha ospitato in trasmissione l’ha maggiormente colpita?

Noi trattiamo praticamente tutte le patologie, comprese le malattie genetiche rare. Ciclicamente poi affrontiamo le patologie maggiormente diffuse come ipertesione, malattie reumatiche, sindrome metabolica, diabete. In questi casi riscontriamo il massimo dello share e una fame di sapere da parte del pubblico. Trovo affascinante che la ricerca comunque stia andando avanti: patologie su cui prima si interveniva chirurgicamente ora sono risolte con un trattamento endoscopico non invasivo.

Chi vorrebbe intervistare, che non abbia ospitato finora?

Non ho un nome in particolare. Sono molto affascinata da chi studia il cervello, la psiche. Devo dire che, anche se ormai sono abituata a intervistare esperti, mi capita spesso di incontrare persone straordinarie che mi regalano emozioni e informazioni nuove anche sugli argomenti che tratto solitamente.

Prima di affrontare quest’esperienza seguiva già i temi medici e scientifici?

Prima di Sabato e Domenica ho lavorato a Uno Mattina, al cui interno già conducevo una rubrica che si intitolava ‘Vivere fino a centoventi anni’ e trattavo di medicina, benessere e salute. Ho condotto anche un format ‘In forma con Sonia’ in cui trattavo di informazione scientifica applicata al benessere. Dal punto di vista personale, il mio percorso professionale ha coinciso con il momento in cui ho iniziato ad approfondire questi argomenti. Anche al di fuori del programma studio continuamente, mi occupo di Pnl, la programmazione neuro-linguistica. E’ una metodica che studia le strutture di pensiero delle persone e nasce dal modeling, lo studio delle strategie di coloro che eccellono nel loro campo. Anche al di fuori dell’ambito televisivo i miei interessi privati ruotano intorno a questi temi. Mi piace moltissimo correre, meditare, nutrirmi in modo sano.

Da bambina ha mai pensato di diventare medico o di dedicarsi a un’altra professione scientifica?

No, ho sempre pensato di lavorare nel mondo dello spettacolo. Già da piccola mi chiudevo in camera e mi immaginavo a ballare sul palco. Per fortuna, con il crescere ho messo un po’ la testa a posto e ho iniziato ad occuparmi anche di argomenti meno futili.

A scuola andava bene nelle materie scientifiche?sonia21

In realtà ho avuto un percorso scolastico movimentato. Ammetto di avere una gran fortuna, che mi ha aiutato anche a scuola: sono una persona, usando un termine della Pnl, molto ‘visiva’: mi basta leggere velocemente qualcosa per memorizzarla immediatamente. Da giovane sfruttavo questa dote per studiare meno e giocare di più. Non ho avuto un approccio molto positivo con le materia scientifiche. Il mio interesse è cresciuto negli anni, anche per essermi scontrata con patologie gravemente invalidanti che hanno colpite persone a me care.

C’è una ricerca che le piacerebbe fosse eseguita?

Mi piacerebbe che si lavorasse più sul benessere che sulla malattia. Vorrei che nascesse una sorta di scienza che raggruppi tutto ciò che si è scoperto di buono per fare in modo che l’individuo viva la propria vita nel miglior modo possibile. Ci si dovrebbe focalizzare sulla promozione degli stati d’animo, delle emozioni, del pensiero positivo. Purtroppo manca la consapevolezza del vivere bene e quando ci si accorge di questo, spesso, è troppo tardi. Vorrei proporre un programma proprio su questi argomenti, magari in una fascia oraria diversa. I tempi, credo, sono maturi.


La scienza e…Serena Auteri

gennaio 23, 2008

img_7814.jpg

Da bambina studiava danza classica, canto e recitazione e preferiva i libri di scienza a quelli delle favole. Ora è una affermata attrice ed una cantante affascinante. Ha recitato nei serial televisivi “Un posto al sole”, “Vento di ponente”, “Tutti i sogni del mondo”, in cui ha interpretato anche la sigla.
E’ stata protagonista del musical “Bulli & Pupe”. Il grande pubblico televisivo ha avuto modo di apprezzare anche le sue doti di presentatrice e cantante in occasione del Festival di Sanremo del 2003, condotto al fianco di Pippo Baudo.
In seguito è stata protagonista in teatro del musical “Vacanze Romane”, diretto da Pietro Garinei.
L’ultima sua intepretazione per il grande schermo è stata quella dela indimenticabile Prof.essa Elisabetta Paliani, nel film “Notte prima degli esami – Oggi (2007)”.

Segue i fatti di natura scientifica?
Ho diverse curiosità riguardanti fatti di attualità.. In particolar modo seguo con attenzione tutto ciò che riguarda l’ambiente, che in questo momento è ciò che mi preoccupa e mi incuriosisce di più.

Quali sono le  fonti di informazione predilette: tv, riviste, libri?
Adoro leggere e mi piace approfondire gli argomenti che mi stanno più a cuore, come per esempio il problema dell’inquinamento e del buco dell’ozono.
Ho partecipato con piacere come ospite a Elisir su RaiTre, una trasmissione molto interessante che permette un facile approccio a temi riguardanti la medicina e che seguo costantemente.
 
Le piacevano le materie scientifiche a scuola?
Erano quelle che mi entusiasmavano di più, anche per la bravura degli insegnanti che adottavano un metodo di studio facile e diretto. Le materie scientifiche mi davano l’opportunità di viaggiare con la fantasia, più delle favole, in un mondo che non potevo toccare ma solo immaginare. Ho sempre preferito leggere libri di scienza da bambina e vedo lo stesso piacere in mia nipote, una bimba di 10 anni che adora leggere, a cui ho sempre regalato libri scientifici che adora perché le permettono un approccio fantastico unico, particolare. 
 
Da bambina ha mai desiderato fare ‘lo scienziato’?
Ricordo che già a sei, sette anni sognavo di fare la scienziata. Il mondo della scienza era un mondo al cui fascino non era possibile sottrarsi.

Letteratura e film hanno spesso anticipato la scienza.  I robot che fabbricano auto ricordano da vicino quelli di Io, Robot, di Isaac Asimov. Stanley Kubrick con 2001 Odissea nello Spazio ha ben descritto il futuro dei viaggi interplanetari. Il replicante di Blade Runner, Rutger Hauer, rappresenta il futuro prossimo dell’ingegneria genetica. A lei piacerebbe recitare in un film del genere? Con quale ruolo? img_7799_2.jpg

Amerei moltissimo recitare in un film di fantascienza. Un ruolo come quello della replicante di Blade Runner mi sarebbe piaciuto tantissimo. Un personaggio romantico, che non sapeva di essere lei stessa una replicante.

Lei è la madrina dell’associazione  “In soccorso rosa azzurro onlus” del professor Roberto Paludetto. Come nasce questo impegno? 
Sono molto amica del Prof. Paludetto, primario del reparto Reparto di Terapia Intensiva Neonatale dell’Azienda Ospedaliera Universitaria “Federico II” di Napoli, che stimo e ammiro profondamente. Da sempre mi impegno per aiutare i bambini in Italia e all’estero. 
Ma anche la mia Napoli è come un bambino che ha bisogno di aiuto e cure…quindi l’impegno a sostegno dell’associazione del Prof. Paludetto rappresenta un’occasione e una combinazione perfetta per il mio impegno verso i più piccoli e verso la città dove sono nata.

Ritiene che i fondi che lo stato dedica alla ricerca siano adeguati?
Non è il mio mondo e quindi non posso parlare secondo una mia esperienza diretta ma ho diversi amici medici e che lamentano il fatto che i fondi stanziati dallo Stato per la ricerca siano del tutto insufficienti. Lo dimostra anche la circostanza per cui molti ricercatori, studiosi e medici scelgono di andare a lavorare all’estero.

Ci sono delle donne del mondo della ricerca che ammira?
Ammiro moltissimo la senatrice a vita e premio nobel Rita Levi di Montalcino. Una ammirazione che ho condiviso fin da piccola con mia madre,  Una grande donna che continua a dimostrare il suo talento e la sua forza anche attraverso il suo impegno civico.
 
Cosa si aspetti  dalla ricerca nei prossimi anni?
Mi aspetto soprattutto la risoluzione al problema del buco dell’ozono: è qualcosa che mi spaventa. Quest’anno sono stata in Australia e quello che mi hanno riferito, la situazione che mi è stata presentata, mi ha allarmato tantissimo.
Un altro grande desiderio è quello che finalmente si riesca a sconfiggere una malattia mortale come il cancro, che miete ancora troppe vittime.