Italia in polvere

marzo 16, 2007

cocaina_vignetta-di-karma.gifLo stupore espresso dal ministro Amato in occasione del sequestro a Napoli di una tonnellata di cocaina rappresenta l’eterna incapacità della politica di comprendere i disagi sociali: “Vi rendete conto? – si è chiesto il ministro – non è detto che fosse destinata tutta alla Campania, però, se si è sequestrata una tonnellata vuol dire che c’è un consumo gigantesco di cocaina in Italia e torno a dire che non si può chiedere alle Forze dell’ordine di contrastare il traffico di droga se c’è una domanda che viene dalle famiglie, da giovani e adulti, se la nostra collettività esprime – ha proseguito Amato – una domanda di cocaina così spaventosa”.
Eppure, basterebbe leggere i giornali e le ricerche per rendersi conto che l’emergenza non è mai cessata. Una inchiesta condotta da Repubblica ha svelato come acquistare della cocaina sia semplicissimo. In circa tre ore il giornalista rivolgendosi a sconosciuti frequentanti della vita notturna romana è riuscito a raccogliere otto dosi al modico prezzo di 50 euro al grammo.
Ad Arezzo Wave un cronista delle Iene non doveva neppure fare la fatica di chiedere: come è entrato nel campus è stato sommerso di offerte da parte dei pusher. Per la cronaca, il rave da quest’anno è stato espulso dalla città toscana.
Il Laboratorio Previsionale condotto l’11 e 12 novembre 2006 da Prevo.Lab., l’Osservatorio Previsionale sulle droghe della ASL Città di Milano, ha rilevato che gli utenti dei SERT (Servizio Recupero Tossicodipendenti) sono aumentati del 28% ed ha previsto che nei prossimo tre anni il numero dei consumatori di coca aumenterà del 40-50%.
Che la polvere bianca sia una sostanza che non passa di moda si sa bene.foglie.jpg
L’adozione della “microdose” si è rivelata commercialmente e socialmente vincente. 20 mg. di cocaina, poco più di 6 striscie, sono acquistabili dovunque a prezzi accessibili.  I venditori della cannabis ora vendono anche cocaina e quindi chi considera innocuo lo spinello prima o poi sarà portato a cedere all’offerta del distributore provando anche la cocaina.
Secondo l’EURISPES sono oltre 2.130.000 gli individui che hanno sperimentato la cocaina almeno una volta nella vita.
Anche secondo l’Ipsad del Consiglio Nazionale delle Ricerche almeno 2 milioni di italiani hanno sniffato cocaina nella loro vita mentre i consumatori abituali sono raddoppiati passando dai 350.000 stimati nel 2001 ai 700.000 stimati nel 2005. Risultano addirittura triplicati quelli che fanno uso di allucinogeni e stimolanti.
L’istituto di fisiologia clinica del CNR ha condotto una indagine fra gli studenti del Lazio di  compresa fra 14 e i 19 anni, scoprendo che su un campione di 250mila ragazzi  12mila hanno dichiarato di aver fatto uso di sostanze stupefacenti e circa 7,5mila hanno fatto uso almeno cinque volte di cocaina.
Una indagine effettuata tra il 26 e 27 gennaio 2006 dall’istituto di ricerca DOXA sulla percezione sociale sul tema della diffusione delle droghe in Lombardia ha rivelato come l’idea della droga sia associata al buco, alla siringa e i consumatori di sostanze stupefacenti appartengono in prevalenza alla fascia d’età compresa fra i 15 e i 24 anni seguiti dai 50-64enni.
san-patrignano.gifChi si avvicina dunque alla polvere bianca protetto da una diffusa accettabilità sociale non è consapevole che dopo poco si trasformerà in un tossidipendente e chi lo è già difende il suo diritto a drogarsi in nome della libertà individuale.
Non si può quindi non essere d’accordo sulla necessità di agire sul contesto sociale. La distruzione dell’esempio valoriale fornito dalla famiglia fondata sul vincolo matrimoniale in favore di unioni fondate su un vincolo contrattuale è l’esempio di come una certa ideologia intende rompere con qualsiasi senso di appartenenza in favore di una libertà senza misura, una non-libertà, madre di un edonismo spicciolo.
Il culto esasperato delle libertà individuali, tipico di una società contemporanea vittima di una tenace desacralizzazione, sta imponendo dei valori che non mirano più a vincolare i comportamenti individuali.
E proprio dalla mancanza del senso di appartenenza dell’individuo verso la società e la famiglia che trae il proprio nutrimento la cultura della droga.
Ha fatto bene Amato a denunciare il disorientamento di una società che esprime una domanda “spaventosa” di cocaina ma finchè si intenderà proteggere chi ne fa uso dietro lo scudo della «modica quantità per uso personale», sdoganando socialmente le cosiddette “droghe leggere”, non si farà altro che alimentare la piaga della tossicodipendenza.
La cocaina modifica pian piano la personalità in senso paranoideo e psicotico. Il cocainomane si barrica in casa perchè è convinto di essere perseguitato, dopo l’euforia sopraggiunge la depressione e  i più “fortunati” possono assistere ai “bagliori della neve”, spettacolari allucinazioni a cui fanno seguito straordinari attacchi di panico.
La battaglia per la liberalizzazione delle droghe fatta dalla sinistra radicale italiana probabilmente sarà anche utile per tagliare i profitti della mafia ma metterà in mano ad un quattordicenne non una pistola a salve, come qualcuno vuol far credere, ma un arma mortale.
Proprio verso gli adolescenti è rivolta la preoccupazione di Benedetto VXI, ai giovani  che hanno “smarrito il senso della vera gioia” e la cercano “nel consumismo, nei paradisi sanpa.jpgartificiali della droga e di ogni forma di alienazione”.
Lapo Elkann era uno di quei ragazzi che usavano abitualmente cocaina pensando fosse una droga “buona”. “Quando mi sono svegliato dal coma – racconta –  pensavo di essere in ufficio. Ho aperto gli occhi e ho chiesto: “Dov’è la Fanta?”, ne tenevo una bottiglia sempre sul tavolo. Nessuno ha risposto. Mi sono guardato intorno, prima ho visto un’infermiera, poi ho girato la testa a destra: c’era un ragazzo nel letto accanto. Solo allora ho capito dov’ero. Poco dopo quel ragazzo, che aveva la mia stessa età, sarebbe morto. Io invece sono stato graziato da Dio. Sono ancora vivo e questa è una seconda vita”.
Ma non tutti hanno una seconda possibilità: solo nel mese di gennaio sono morte per droga 9 persone e 771 spacciatori sono stati arrestati.

www.sanpatrignano.org

Annunci

Francesco Alberoni e la scienza

febbraio 19, 2007

alberoni11.jpgA scuola era un allievo modello, perfezionista. All’università si iscrive a Medicina per diventare psichiatra come Sigmund Freud o Karl Jaspers, ma la sua vera vocazione era la psicologia. Attratto dallo studio sui consumi, pubblica il suo primo libro europeo di sociologia dei consumi, al quale sono seguiti numerosi saggi di successo. Sociologo, giornalista e docente universitario, è stato membro del Consiglio di amministrazione della Rai. Attualmente si occupa in veste di Presidente del Centro sperimentale di cinematografia di Roma

Il livello della comunicazione scientifica in Italia può dirsi soddisfacente?
Nei settori di mia competenza – sociologia e psicologia sociale – e riferendoci alla comunicazione fra studiosi direi di sì. Teniamo però presente che la nostra comunità scientifica è molto dipendente da quella anglosassone e in settori dove è coinvolto l’uomo e la società – a differenza di ciò che avviene in campi come la matematica, la fisica o la chimica e in qualche misura anche l’economia – giocano molto le tradizioni culturali, i modi di pensare che gli scienziati prendono inconsciamente dal loro ambiente. Di conseguenza le idee e tesi estranee o contrarie al tipo di vedute o di paradigmi dominanti in questa comunità non vengono recepite, non circolano.

Che consigli darebbe?
Per il problema delle concezioni devianti rispetto alla cultura scientifica anglosassone dominante non ci sono soluzioni istituzionali.

C’è qualche settore della ricerca che le interessa in particolare?
Io mi occupo delle passioni individuali e collettive, un settore estremamente specializzato che comprende fenomeni apparentemente diversissimi come i movimenti collettivi rivoluzionari, la formazione di partiti, di sette religiose ma anche la passione amorosa che unisce due sole persone, l’innamoramento.

Cosa si può fare per sostenere la ricerca in Italia?alberoni2.jpg
Favorire un più stretto rapporto fra ricerca e imprese, aiutando con coraggio le aziende italiane che sono spesso di medie dimensioni e non riescono a competere con i colossi stranieri che fanno ricerca nei luoghi in cui hanno i centri di comando, il quartier generale. La ricerca serve all’impresa e l’impresa alla ricerca.

Qual è la sua opinione in merito al dibattito su tecnologia, scienza e limiti morali e religiosi?
La scienza e la tecnologia, creando nuove possibilità di azione hanno sempre fatto nascere problemi etici. Pensiamo nel campo bellico all’uso del gas asfissiante e il ricorso alla bomba atomica. La scoperta del Dna pone drammatici interrogativi sulla liceità di interventi di ingegneria genetica che vadano al di la della cura delle malattie ereditarie.

Come mai i bambini non vogliono più fare gli scienziati?
Perché i personaggi più ammirati del nostro tempo non sono Marconi, Einstein o Fermi, ma i calciatori, i divi del cinema, i ricchi finanzieri. Nell’immaginario collettivo e della rappresentazione televisiva lo scienziato viene rappresentato povero e con una vita monotona. Immagine falsa e che andrebbe corretta.

Qual era il suo rapporto con le materia scientifiche a scuola?
Riuscivo bene in tutte le materie anche se ho avuto una vocazione precocissima per lo studio dell’animo umano e delle sue passioni. Ero un buon matematico intuitivo, un teorico nato, inoltre disegnavo bene e inventavo favole e racconti. Potevo scegliere ed ho seguito la mia vocazione principale.

C’è una ricerca che le piacerebbe fosse eseguita, magari con successo?
Sì, uno studio empirico comparativo dell’innamoramento in Inghilterra, Usa, Russia, India, Cina e Giappone, ma sotto la mia assoluta direzione e facendo le domande che dico io e nel modo che dico io.

http://www.almanacco.rm.cnr.it/